Black Mirror

Lo schermo nero e muto, in cui il riflesso di se stessi viene distorto e catturato. Un portale magico che si spalanca verso il mondo; una finestra che non è mai chiusa completamente. Il tramite tra due mondi che si intrecciano e si confondono: reale e virtuale. Lo specchio nero non riflette l’immagine, ma ne imprigiona l’essenza e diventa indispensabile nel momento in cui la debolezza umana si lascia soggiogare, adulare, da false promesse. Lo specchio nero, si dice, abbia poteri divinatori, così come la tecnologia che lo rappresenta e sia in grado di mettere in contatto due dimensioni, aprendo la strada verso l’ignoto; esso, se viene usato spesso, acquista una specie di anima propria che diventa sempre più potente. Lo schermo, come lo specchio nero, mostra quello che vuole, quello che si vuole vedere; la realtà si mescola alla fantasia in un turbinio delirante, l’orizzonte si allontana e ci si perde in un sogno lucido.

“A volte mi chiedo se la realtà esiste davvero, se c’è veramente una natura delle cose, obiettiva e intatta. O se tutto ciò che ci accade è già modificato in anticipo dalla nostra immaginazione. Se sognando qualcosa gli diamo vita.” Chitra Banerjee Divakaruni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...