Pensiero collettivo

Ogni pensiero è energia la quale cerca sempre un canale attraverso cui può esprimersi. Una forma-pensiero può essere dotata di una qualità vibrazione, alta o bassa che sia. L’effetto di questa vibrazione emessa, su sé stessi e sugli altri, dipende dalla precisione del pensiero-emozione e dalla quantità di forza che vi è contenuta. La durata di una forma-pensiero dipende: dalla sua intensità iniziale (forza contenuta) e dall’energia che la alimenta mediante la ripetizione del pensiero (abitudine mentale), sia da parte del suo creatore che da parte di altri. Quanto più spesso un pensiero sarà ripetuto, tanto più intenso l’effetto. L’energia del pensiero, quindi, provoca un desiderio di ripetizione dello stato emotivo che l’aveva creata. Se si comprende questo meccanismo è possibile sottrarle il nutrimento bloccando quei meccanismi mentali che reiterano comportamenti e schemi di pensieri. Solo l’Intento consapevole può consentire di trascendere una forma-pensiero distorta. Il pensiero collettivo appare, alla luce di queste considerazioni, un qualcosa che lusinga una sorta di pigrizia e de-responsanilizza l’essere umano alimentando un sistema di egregore (inconsce). L’apparente convenienza del “delegare” ad altri in realtà è una forma bieca di sottomissione.

dal sito: www.francescapratelli.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...